Cosa è giusto fare e cosa è meglio evitare? Questo è quello che mi chiedono i proprietari.

Ogni cane è diverso dagli altri, ci sono però alcuni suggerimenti che ritengo possano essere validi per tutti e voglio condividerli anche con voi.

 

    • E’ meglio non lasciare la ciotola con il cibo a disposizione del cane. Il cibo a contatto con l’aria si deteriora, e non avreste indicazioni chiare sull’appetito del cane, uno dei principali segnali del suo stato di salute.
    • Il cane intento ad annusare spegne tutti gli altri canali sensoriali; se lo chiamate proprio in quel momento, è molto probabile che non vi senta. Aspettate che sollevi il muso da terra.
    • Quando fate una richiesta al vostro animale, usate un tono di voce allegro, piacevole. Riservate i toni burberi e severi per le situazioni che lo richiedono, ad esempio per evitare che il vostro cane attraversi la strada. Lo stesso discorso vale per il NO, tenetelo da parte per quando potrebbe servire davvero. Eviterete che perda di significato.
    • Perdono di significato anche i segnali ripetuti troppe volte. Se il vostro cane, ad esempio, conosce il segnale “Seduto”, pronunciatelo una sola volta e poi date al vostro quattro zampe il tempo di eseguire l’esercizio. Ripetere incessantemente “Fido vieniiii”, dà solo al cane la possibilità di individuare la vostra posizione, grazie alla sua capacità di individuare una fonte sonora alle sue spalle con un errore di 5 cm.
  • Prestate attenzione alla vostra postura! La posizione del vostro corpo dà moltissime indicazioni al cane, ancora di più dei segnali, o comandi, verbali. Stare di fronte al cane o di lato, piegarsi sopra di lui, gesticolare con le mani, andare in una direzione piuttosto che in un’altra, sono tutte azioni che influiscono moltissimo sul comportamento del cane.
  • Un ultimo suggerimento per concludere: il cane è un animale sociale, non ha bisogno del giardino, ha bisogno di voi!

Laura Nicolini / caneperfetto.it a cura di Laura Nicolini educatrice cinofila www.caneperfetto.it